Oh solitudine sei una carezza

Oh solitudine, sei una carezza! 
Come una tiepida e leggera brezza. 
Un mare quieto in cui lieve volteggio. 

A volte la stretta morsa del gelo, 
un cappio che stringe il ventre,
una giornata di sole velato, 
il sonno di una notte senza sogni.

O un solitario caffè amaro 
ripercorrendo gli antichi sentieri 
dove leggera andavo fino a ieri. 
Vorrei posar lo sguardo su un sorriso.

§ Daniela § 

Foto by Ilaria Guidi


Guarderemo ogni volto

Cosa resta di noi?
ad ognuno una tomba.
E siamo andati altrove,
soli, col cuore stanco.

Guarderemo ogni volto
e non sarà più il nostro.
Cercheremo un mattino,
ma vorremo star soli.

Ci saranno altre piogge
sulle nostre finestre
e i colori dell’alba
a destar occhi stanchi.

Mentre fuggono i giorni
anneghiam nei tramonti.
E torneremo, tristi
come un treno di sera,
in silenziose case.

§ Daniela §

(Foto by me)


Uomo assorto nei pensieri su un treno
Ragazza su un treno

Parole senza rumore

Le silenziose nebbie dell’inverno
segnano il tempo della muta attesa.
Tutto ora tace, tutto sta dormendo.

Sfugge allo sguardo il limitar dei campi
e la mia terra ha cambiato colore.
La neve illumina e imbianca il silenzio.

C’è un tacere che scrive nel cuore
e in queste parole senza rumore
dorme e riposa anche il mio dolore.

§ Daniela §

(Foto by me)
Campi avvolti nella nebbia all'alba

La finestra sul fiume

Il canneto ti cela al mio sguardo,
ma ti sento e con te, fiume, parlo.
Dei tuoi sassi conosco gli affanni.

Tu sciogli la tristezza dei tramonti.
Sulla tua quiete dormono le sere.
Tutte le stelle piangon su di te.

E tra l’ocra dolcezza della terra
placide vanno le acque tue al mare,
là dove puoi di te dimenticare.

§ Daniela §

(Foto by me)


Fiume tra gli alberi nel parco

Un cuore dentro un vestito di pietra

Mio caro amore
ci siamo persi.
Ora siamo muti
in angoli sbiaditi,
in stanze dove è entrato il deserto,
in giorni che scivolano nel vuoto.

È rimasto niente,
un aquilone caduto a terra,
polvere sparsa negli anfratti,
una fiaba senza lieto fine,
un sole che non asciuga il dolore.

Se ti volti mi vedi
una parola senza suono,
l’ombra del tuo silenzio,
un sogno su una nuvola grigia,
un cuore dentro un vestito di pietra.

§ Daniela §

(Foto by me)


Ragazza triste (Black & white)

Ogni mattino mi metto in cammino

Ogni mattino mi metto in cammino
col cuore curvo di malinconia, 
le tasche piene di storie invecchiate
e la stanchezza dentro alle scarpe.
Gli occhi negli occhi di un uomo ch’è solo 
e con un mazzo di addïi tra le mani. 

Sui marciapiedi di passi e di sassi,
su queste strade di lacrime e asfalto
e di tram pieni di amori usurati,
ora che figlia io son di nessuno 
e nessun uomo mi chiama più amore, 
forse potrei di tristezza morire.

§ Daniela §

(Foto by me)


Donne alla fermata del tram